Generali, S&P mette rating sotto osservazione negativa. Mario Greco: “Sorpresi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Novembre 2013 6:58 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2013 22:06
Generali, S&P mette sotto osservazione il rating

Generali, S&P mette sotto osservazione il rating

MILANO – Mina rating su Generali alla vigilia dell’investor day, l’appuntamento con la comunità finanziaria a Londra nel corso del quale il group Ceo, Mario Greco, farà il punto sulle mosse del Leone a poco più di dieci mesi dal precedente appuntamento nella City e a neanche un anno e mezzo dal suo arrivo al vertice della compagnia. A rovinare la festa è la decisione di Standard & Poor’s di mettere il rating A- del gruppo triestino sotto osservazione per un possibile taglio al livello dell’Italia, BBB, se la compagnia non supererà gli stress test avviati dall’agenzia per simulare il fallimento del Paese sul quale la società è molto esposta: Generali ha infatti in portafoglio circa 60 miliardi di Btp e altri titoli di stato.

”Se Generali non supera i nostri stress test legati a un possibile default del Paese, probabilmente limiteremo il rating del gruppo al livello del rating dell’Italia”, sottolineano gli analisti di S&P.” Sorpreso” si dice il numero di Generali, Mario Greco: ‘Non possiamo che prendere atto dei nuovi criteri di S&P che valutano il rischio di fallimento del Paese prevalente. Siamo molto sorpresi della decisione di porre la nostra società in credit watch negativo oggi, a novembre 2013, quando l’economia italiana sta mostrando i primi segnali di ripresa”.

Il group ceo sottolinea anche che che, per quanto riguarda la compagnia, ”la nostra situazione attuale è fortemente migliorata rispetto al recente passato” Con Trieste sono finite nel mirino anche una compagnia polacca e una sudafricana, ma il senatore del Pd Massimo Mucchetti, il primo a lanciare l’allarme, parla di ”una manovra gravissima, perché ingiustificata, non solo contro la prima compagnia assicurativa del Paese, ma anche e soprattutto contro la Repubblica italiana”.

Secondo Mucchetti, che è presidente della Commissione Industria, competente anche per la materia assicurativa, ”L’iniziativa di S&P ricorda in versione aggravata quella della Deutsche Bank che, nella primavera del 2011, vendette su larga scala i titoli di Stato italiani, dando avvio alla speculazione contro le economie mediterranee”. D’altra parte una comunicazione congiunta di Consob, Bankitalia, Ivass e Covip lo scorso luglio aveva segnalato che in caso di declassamento del rating di una società emittente gli investitori istituzionali non sono automaticamente tenuti a vendere i titoli declassati nei loro portafogli. Ma certo la scure di S&P rischia di penalizzare Generali.

Anche di questo parlerà Greco domani a Londra in una giornata che non sembrava riservare grandi sorprese. Il manager ha avviato nei mesi scorsi un’ampia riorganizzazione annunciando l’intenzione di focalizzarsi sulle attività assicurative cedendo quelle non strategiche per 4 miliardi entro il 2015. La valorizzazione degli asset non core ha raggiunto ad oggi i 2,4 miliardi di euro di controvalore.

Ora mancano 1,6 miliardi circa di cessioni al target di 4 miliardi e il dossier più importante resta quello relativa a Bsi. Il mercato di recente ha iniziato a ragionare sull’idea che Generali valuti soluzioni alternative, ma presentando i risultati dei nove mesi Greco ha ribadito l’obiettivo di valorizzarla, seppur a fronte di valutazioni adeguate. Altri incassi importanti sono possibili dalla valorizzazione delle quote svincolate in questi mesi dai patti di sindacato. Si tratta dello 0,96% di Rcs, del 2% di Mediobanca (da gennaio) e del 4,4% di Pirelli, per un controvalore complessivo oggi in Borsa attorno ai 300 milioni.