Hong Kong: simula gravidanza e uccide donna incinta per rubarle il feto

Pubblicato il 11 Settembre 2009 15:29 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2009 15:29

hong_kongPer mesi ha simulato una gravidanza inesistente, poi poi ha strangolato una conoscente incinta e le ha squarciato il ventre per rubarle il bambino. Autrice del feroce omicidio una donna di Hong Kong, accecata dal desiderio di essere madre ad ogni costo.

L’omicidio risale allo scorso settembre, ma ne è stata data notizia a distanza di un anno dal quotidiano South China Morning Post.

Leung Sin-ting, 27 anni,ha attirato la sua vicina in casa con la scusa di regalarle un lettino per neonati e un biberon, poi l’ha strangolata con un cavo elettrico e le ha tagliato la pancia. Il neonato, strappato dal ventre della madre alla trentasettesima settimana di gravidanza,ha riportato gravi danni celebrali ed è morto poco dopo, durante un intervento d’urgenza all’ospedale.

Leung è stata condannata ad ottobre per omicidio colposo, ma la pena le è stata sospesa in attesa dei risultati di una perizia psichiatrica.

La donna, che aveva già subito un aborto nel 2003, per i mesi precedenti all’omicidio aveva camuffato una gravidanza,nascondendo degli asciugamani sotto i vestiti e mostrando agli amici le ecografie di altre donne, cambiando semplicemente il nome sui documenti. La donna era riuscita ad ingannare anche il marito e un medico, che le aveva fornito un certificato per il congedo di maternità.

A fine luglio, nel Massachussets, un episodio di cronaca molto simile: in quel caso, però, almeno il neonato è riuscito a sopravvivere.