Hunziker, lo stalker e le parole

Pubblicato il 18 Novembre 2010 21:09 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2010 21:09

Una piccola e rapida riflessione innescata da un titolo di cronaca letto scorrendo Repubblica.it: “Assolto molestatore della Hunziker. Era incapace di intendere e di volere“. Lo sguardo si ferma per via dell’implicito ossimoro: in che senso, assolto? Era incapace di intendere e volere solo al momento del fatto? Oppure non è stato nemmeno processato? […]


Leggi l’articolo originale su: Mente e psiche