Il bilancio dell’eterodossia nelle scienze sociali

Pubblicato il 23 luglio 2010 10:05 | Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2010 10:05

Dopo la famosa lettera dei 100 economisti e le giornate di nFA, in Italia è iniziato un confronto, finora solo a livello pubblicistico (dati approfonditi e studi accademici non sono ancora apparsi) tra la scuola mainstream e i cosidetti economisti critici. Recentemente, Antonella Stirati, su Il Sole-24 Ore, ha chiesto che l’accademia si apra ai lavori di questi ultimi. Non è mio compito dire cosa sia giusto, lecito o proficuo fare per le scienze economiche. Posso però raccontarvi quello che è successo nel mio campo, la branca della scienza politica che si occupa di Relazioni Internazionali (d’ora in avanti, IR) dove a partire dagli anni Novanta c’è stata un’apertura agli approcci eterodossi. Ognuno poi può trarre le conclusioni che vuole.

Di andrea gilli. Leggi tutto l’articolo su noiseFromAmerika.org


Ricordiamo la campagna donazioni Trust nFA


Leggi l’articolo originale su: noiseFromAmeriKa