Influenza A/ Garattini: vaccinazione di massa prematura per virus mite. In Italia “non siamo di fronte a un’epidemia”

Pubblicato il 12 Giugno 2009 15:50 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2009 16:00

« Ciò che sappiamo per adesso è che si tratta di un virus relativamente mite e non virulento per cui prefigurare una vaccinazione di massa è prematuro: il vaccino intanto non c’è e quando ci sarà se ne discuterà, si vedrà se è il virus sarà mutato in meglio o in peggio».

A parlare è il farmacologo e direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, Silvio Garattini per il quale «l’Oms giustamente parla di pandemia sulla base del numero dei pazienti e dei Paesi dove è stato reperito il virus». Detto questo però, «siamo in presenza di un ceppo mite che appunto potrebbe mutare – nota Garattini – ma non si può sapere se in bene o male per cui bisogna aspettare l’autunno anche inoltrato».

Dunque ‘cautela’ sulla vaccinazione di massa? «Direi di sì – conclude Garattini – per quello che sappiamo ora e poi per quel che ci riguarda non siamo in Italia di fronte ad un’epidemia».