Influenza H1N1: prima vittima in Russia, in Cina iniziate le vaccinazioni

Pubblicato il 21 Settembre 2009 9:00 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2009 9:41

Primo decesso per influenza A H1N1 in Russia, Lo ha comunicato l’Accademia delle scienze di Mosca  precisando che la vittima è un dottore rientrato recentemente dalla Bulgaria.

Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fatto sapere che il virus dell’influenza “A” non sembra esser mutato in una forma più grave e ha confermato che la produzione dei vaccini sta rispettando i ritmi previsti.

I vaccini per l’influenza  prodotti finora sono efficaci, ha spiegato il direttore generale dell’Oms Margaret Chan, nella cerimonia d’apertura dell’incontro annuale dell’organizzazione nel settore del Pacifico Occidentale, ad Hong Kong. “Il virus può mutare in ogni momento. Ma da aprile ad oggi, quel che possiamo osservare dai dati che ci arrivano dai laboratori di tutto il mondo è che il virus è ancora molto simile alla versione iniziale”, ha spiegato la Chan ai reporter.

Secondo il capo dell’OMS, da un punto di vista teorico ci si può attendere che siano prodotti nel giro di un anno 3 miliardi di vaccini in tutto il mondo e la Cina ha già cominciato a vaccinare la sua popolazione. La Chan ha inoltre ripetuto che soli i pazienti ad alto rischio (come anziani, obesi e coloro che hanno malattie pregresse) potrebbero essere gravemente colpiti dalla malattia.

Per quanto riguarda la donna di 46 anni, Giovanna R., deceduta all’ospedale Papardo di Messina, la magistrature ne ha disposto l’autopsia. Intervistata dai telegiornali la sorella ha sostenuto che la congiunta era sana.