Internet/ Blog in sciopero per la prima volta nella storia. Si protesta contro il decreto Alfano su intercettazioni e obbligo di rettifica

Pubblicato il 6 Luglio 2009 16:00 | Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2009 16:17

Per la prima volta nella storia dell’informazione telematica, i blogger incroceranno le braccia in segno di protesta la giornata del 14 luglio, insieme ai quotidiani e alle reti televisive. Le modifiche alla legge attuale previste nel decreto Alfano lasciano scontenti in molti nel mondo dell’informazione di Internet. «Non si tratta di un’adesione allo sciopero dei giornalisti, ma di una protesta della Rete italiana contro un provvedimento che avrà l’effetto di disincentivare l’uso dei blog e delle libere piattaforme di condivisione dei contenuti» – spiegano in una nota i promotori dell’iniziativa, Alessando Gilioli e Guido Scorza.

Chi vorrà consultare il suo blog preferito il 14 luglio, non troverà i consueti post ma leggerà solo un banner di protesta «contro il bavaglio alle intercettazioni e all’informazione, promosso dalla legge criminale del ministro Alfano» e «in particolare contro quella parte che soffoca la libertà della Rete con il pretesto dell’obbligo di rettifica».