L’italiano non è l’indonesiano

Il segretario dell’Associazione Esperanto ha accusato ieri il governo Berlusconi di volere soppiantare l’insegnamento dell’italiano con quello dell’inglese, tracciando un incerto paragone tra l’eventuale scomparsa dell’italiano con l’eventuale scomparsa dell’indonesiano.
Purtroppo l’accusa e il ragionamento dell’accusatore non stanno in piedi. L’insegnamento dell’inglese è essenziale nella società moderna visto che le lingue seguono l’evoluzione delle società e […]


Leggi l’articolo originale su: Oltreconfine

To Top