L’attacco di Vittorio Feltri all'”Avvenire”. Il blog “Pensiere” parla di “cecchinaggio giornalistico”

Pubblicato il 30 Agosto 2009 23:11 | Ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2009 23:11

“Killeraggio gornalistico” o piuttosto “cecchinaggio giornalistico”? “BlogPensiere” analizza la vicenda dell’attacco di Vittorio Feltri, nuovo direttore de “Il Giornale”, al direttore dell'”Avvenire” Dino Boffo. Feltri  ha definito il direttore Boffo come un «moralista omosessuale», promettendo con titolo in prima pagina, sul quotidiano del premier, di «smascherare i falsi moralisti».

Il motivo dell’attacco di Feltri può essere ricondotto, come spiega il blog “Pensiere” alla presa di posizione che Boffo ha assunto nei confronti di Silvio Berlusconi riguardo i diversi scandali dei mesi scorsi, scandali che il direttore dell'”Avvenire” ha condannato duramente.

Secondo Pensiere,  quello di Feltri è stato un colpo da cecchino, una mossa per difendere Berlusconi, il suo nuovo “datore di lavoro”, prendendo una posizione netta, anche se poi lo stesso Berlusconi si è pubblicamente dissociato dalle dichiarazioni del fondatore di “Libero”.