LAVORO: IN TRE MESI OLTRE 3.600 VIOLAZIONI SICUREZZA ACCERTAMENTI CARABINIERI

Pubblicato il 28 luglio 2010 2:30 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2010 11:26

Su 1.758 ispezioni nei settori dell’edilizia, agricoltura, industria, commercio e servizi svolte dal comando dei Carabinieri per la Tutela del Lavoro in Italia nel primo trimestre del 2010, sono state accertate 3.636 violazioni della sicurezza sui luoghi di lavoro, la maggior parte delle quali (1.369) riguardano la prevenzione degli infortuni nelle costruzioni.

Sempre nello stesso arco temporale su 50.736 lavoratori controllati nell’ambito dell’attività generale del comando, 7.551 sono risultati “in nero” e su 333 minori 161 “occupati illecitamente”. I dati, divulgati in occasione della firma di un protocollo d’intesa tra il comando dei carabinieri per la tutela del lavoro e il Cpt di Roma e Provincia, tra le violazioni della sicurezza accertate indicano al secondo posto la carenza di informazione e formazione dei lavoratori (616), di sicurezza durante il lavoro (611), di misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei (566) e dell’igiene (384).

Gli aspetti di maggiore criticità restano confermati nell’edilizia. Sempre nei primi tre mesi di quest’anno sono stati sequestrati 59 cantieri, sospesi 535 lavori, contestate 11.387 ammende e denunciate 1.346 persone. Nel quadro dell’attività generale del comando sono stati controllati anche 12.077 lavoratori extracomunitari, di cui 3.145 sono risultati irregolari, 886 clandestini e 221 sono stati espulsi.