Scoperto in Australia il vaccino contro il cancro alla cervice uterina

Pubblicato il 14 luglio 2010 12:15 | Ultimo aggiornamento: 14 luglio 2010 20:28

Ian Frazer

Il vaccino contro il cancro alla cervice uterina ha confermato la sua efficacia in Australia, primo Paese al mondo a registrare una significativa riduzione nell’incidenza di lesioni cervicali grazie ad un programma di introduzione a tappeto iniziato nel 2007, con distribuzione gratuita alle ragazze di 12 e 13 anni, e sovvenzionata fino a 26 anni.

Il vaccino, chiamato Gardasil, risultato delle ricerche del professor Ian Frazer dell’Università del Queensland e del suo team, protegge le donne non ancora infettate dai quattro principali tipi di papillomavirus umano ed ha quindi la massima efficacia se somministrato alle ragazze non ancora sessualmente attive.

Uno studio del Victorian Cytology Service di Melbourne, presentato giorni fa ad una conferenza a Montreal in Canada, rivela che i casi di lesioni cervicali di alto grado, che non sono ancora cancerose ma comportano un alto rischio di diventarlo, sono diminuite fra le donne sotto i 20 anni, ma non fra quelle di età superiore. Il tasso di anormalità cervicale di alto grado fra le giovani di 18-20 anni era dell’1,2% nel 2006 e si è ridotto allo 0,99% nel 2009. La diminuzione è stata piu’ pronunciata sotto i 18 anni, con un calo dallo 0,85% nel 2006 ad un tasso dello 0,22% lo scorso anno.