Mistero a Viareggio/ Sequestrati due mega yacht di lusso. Erano destinati al dittatore nord coreano Kim Jong-il. Le barche sarebbero servite allo spionaggio industriale

Pubblicato il 21 Luglio 2009 16:41 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2009 17:16
kim-jong-il1

La guardia di finanza della compagnia di Viareggio ha posto sotto sequestro amministrativo due yacht extra lusso destinati al leader della Corea del Nord Kim Jong-il. I finanzieri, nel maggio scorso, sono entrati in uno dei più importanti cantieri navali di Viareggio (Lucca) e hanno messo i sigilli ai due mega-yacht. Spionaggio industriale?

Tutto sarebbe partito da un’informativa dei colleghi dei reparti speciali che rivelava che una società austriaca aveva ceduto i diritti di acquisto a una società cinese che, a sua volta, sarebbe collegata al dittatore nordcoreano. Anche la polizia austriaca ha effettuato un blitz nella sede della società che aveva ceduto i diritti.

La guardia di finanza di Lucca ha anche acquisito carte nautiche, commesse, bolle di accompagnamento e documenti contabili. Seguendo poi la pista dei soldi e indagando da una banca all’altra, ha scoperto, insieme alla polizia austriaca, che dietro ai pagamenti ci sarebbe il leader nord-coreano.

Ufficialmente, la procura di Lucca non ha preso alcuna decisione. In Italia, manca, infatti un reato specifico che punisca la violazione delle esportazioni di questo tipo come previsto dall’Ue. Il sequestro amministrativo sarebbe scattato proprio in attesa di avere risposte su questo punto dal ministero delle Politiche comunitarie ma anche dai dicasteri Esteri, Giustizia e Sviluppo Economico.