Rai: è morto Beppe Berti, storica voce dello sport in radio

Pubblicato il 30 aprile 2010 15:36 | Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2010 15:54

Il giornalista sportivo della Rai Beppe Berti è morto oggi a Roma all’età di 84 anni. Prima di entrare in Rai, nella redazione del Giornale Radio (dove a lungo ha anche condotto Radio Sera, con Sergio Giubilo), è stato capo cronista al Popolo di Roma, alla Tribuna ed a Italia Sera e inviato del Giornale della Sera.

Autore di inchieste e documentari radiofonici, aveva fin da ragazzo la passione per i cavalli, curando corrispondenze e rubriche ippiche per quotidiani e periodici e assumendo pure incarichi dirigenziali nel settore. Nel 1976, l’anno di nascita del Tg2, con il grado di capo redattore centrale entra a far parte della redazione sportiva guidata da Maurizio Barendson, prima come vice e poi (alla morte di Barendson) come capo.

Nel 1990 viene nominato vice direttore del Tg2, conservando la responsabilità dello sport per la seconda testata televisiva della Rai. In tv si impegna fortemente nel valorizzare lo spettacolo sportivo sul piccolo schermo, organizzando in chiave più moderna i Gran Premi di Formula Uno, i Giri ciclistici d’Italia, i Campionati del Mondo di calcio e le Olimpiadi.