Myanmar/ Mano dura della Birmania: Aung San Suu Kyi a 18 mesi, sette anni di lavori forzati al pacifista americano

Pubblicato il 11 Agosto 2009 8:46 | Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2009 8:46

094406_XKAJ102_APTre anni di carcere ai lavori forzati immediatamente ridotti a 18 mesi di arresti domiciliari. Questa la sentenza con cui la corte birmana ha condannato la dissidente Aung Suu Kyi, leader dell’opposizione non violenta e premio Nobel per la pace nel 1991.

Secondo il tribunale Suu Kyi è colpevole di violazione della legge sulla sicurezza. La donna, mentre scontava una condanna ai domiciliari è stata raggiunta a nuoto dal pacifista americano John Yettaw.

Dura la sentenza nei confronto dello statunitense, coimputato nel processo: sette anni di lavori forzati.