Pena di morte: in Texas eseguita la condanna numero 18

Pubblicato il 23 Settembre 2009 10:50 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2009 10:50

Nell’anno di Obama gli Usa continuano a applicare la pena di morte. In Texas, uno degli stati federali più duri, è stata eseguita la diciottesima sentenza dell’anno.

Una iniezione letale ha giustiziato Cristopher Coleman, un uomo nero di 37 anni, accusato di avere ucciso tre persone, tra le quali un bimbo di tre anni. Il fatto risaliva a 14 anni fa. La sentenza è stata eseguita martedì, come comunicano le autorità federali.

Il condannato è spirato otto minuti dopo l’iniezione letale. Secondo la accusa aveva sparato, nel 1995, all’interno di una automobile a tre persone, durante uno scambio di droga nella città di Houston. Un sopravissuto alla sparatoria lo aveva accusato senza dubbi.

Coleman aveva negato, sostenendo che il protagonista della sparatoria non era lui. Il fatto era un regolamento di conti tra colombiani.