PSICOLOGIA: STUDIO, MUSICA DI SOTTOFONDO DISTRAE E PEGGIORA PERFORMANCE

Accompagna e fa da colonna sonora ai momenti belli e brutti della nostra vita. Ma la musica dovrebbe essere evitata mentre siamo impegnati in qualcosa di importante, come ad esempio una gara sportiva o la preparazione di una tesi. E il motivo è semplice: distrae e peggiora la nostra performance. Lo rivela uno studio che sarà pubblicato a settembre sulla rivista ‘Applied Cognitive Psychology’ a firma di ricercatori della University of Wales Institute di Cardiff (Galles, Gb).

Per decenni la scienza si è impegnata a dimostrare quanto ascoltare musica sia in grado di alleviare ansia e depressione, migliorare l’umore e la performance cognitiva. Ma fino a oggi nessuno si era concentrato sul modo in cui si ‘usano’ le canzoni, verificando, ad esempio, se il beneficio cognitivo è uguale nel caso in cui ascoltiamo musica durante l’esecuzione di un particolare compito e non solo prima di iniziarlo. Nick Perham e il suo team hanno cercato di capirlo, analizzando anche come i diversi generi musicali possono influenzare la nostra performance.

To Top