Riforma Pubblica Amministrazione/ Via libera del Governo al testo Brunetta che introduce la meritocrazia negli uffici pubblici

Pubblicato il 15 Maggio 2009 14:53 | Ultimo aggiornamento: 15 Maggio 2009 14:53

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto delega sulla produttività nella Pubblica Amministrazione definito dal premier «rivoluzione Brunetta», visto che il ministro aveva minacciato le dimissioni qualora il testo per la riforma non fosse stato approvato. Il provvedimento sarà presentato alle Camere lunedì.

Brunetta ha spiegato l’iter della riforma prima del sì definitivo previsto per fine giugno: «Penso che tutto possa essere approvato entro 60 giorni a partire da lunedì. Intendo avere assolutamente l’accordo con la Conferenza Stato-Regioni. Chiederemo poi anche un parere articolato del Cnel (Consiglio nazionale dell’Economia e del lavoro)». Verranno ascoltati anche i sindacati, «visto che con questo provvedimento nasce qualcosa di nuovo per la pubblica amministrazione e per l’economia italiana».

La riforma “antifannulloni” prevede, fra gli altri cambiamenti, diversi meccanismi di retribuzione basati sulla premialità: solo il 25% dei dipendenti avrà a disposizione il 50% di tutte le risorse destinate agli incentivi di premio».