Rosaria Aprea picchiata per gelosia: “Poi è arrivato quel calcio fortissimo”

Pubblicato il 16 Maggio 2013 0:49 | Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2013 0:53
Rosaria Aprea, foto Facebook

Rosaria Aprea, foto Facebook

CASERTA  – ”Antonio non voleva che uscissi di casa senza di lui perché era geloso, abbiamo discusso, poi è  passato subito alle vie di fatto. Mi ha colpita più volte, poi è arrivato quel calcio più forte alla pancia’‘.

E’ quanto ha dichiarato al pm Antonella Cantiello e agli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Caserta Rosaria Aprea, di 20 anni, ricoverata dalla notte di domenica 13 maggio all’ospedale del capoluogo dopo essere stata pestata dal compagno Antonio Caliendo, in carcere con l’accusa di tentato omicidio e maltrattamenti.

La ragazza, tuttora in prognosi riservata – nelle prossime ore probabilmente i medici la dichiareranno fuori pericolo – è stata ascoltata in due momenti; le sue condizioni, pur in costante miglioramento, non le hanno infatti permesso di parlare per parecchie ore di fila. Ha comunque confermato, come già dichiarato da Caliendo al Gip, che l’episodio si è verificato a casa della madre smentendo però il compagno che aveva parlato di una lite originata da futili motivi e non dalla gelosia.

”Dall’inizio della nostra relazione, anche nel periodo in cui era incinta, è sempre stato geloso e violento – ha detto Rosaria Aprea, aspirante miss di Macerata Campania – anche domenica è scattato quasi subito”. Delle numerose aggressioni raccontate agli inquirenti, solo in un caso la ragazza ha presentato denuncia per lesioni nei confronti del compagno: fu a Pesaro nel 2011, durante un concorso di bellezza cui stava partecipando.