Sicurezza/ In Italia diminuiscono omicidi, furti, rapine e borseggi. Rimini, Bologna e Milano le città più a rischio. A Napoli il record di delitti

Pubblicato il 3 Agosto 2009 12:47 | Ultimo aggiornamento: 3 Agosto 2009 12:49

RO030709POL_0072L’Italia diventa un Paese più sicuro, almeno secondo i dati del ministero dell’Interno. Meno omicidi, furti, rapine, scippi e borseggi, diminuiti del 8,1 per cento nel 2008.

In particolare, tra il 2007 e il 2008 sono calati del 23 per cento i borseggi, del 19 per cento gli scippi, del 17 per cento i furti d’auto, del 10 per cento i furti in abitazione, dell’11 per cento le rapine, del 15 per cento le truffe e le frodi informatiche e del 3,5 per cento gli omicidi volontari.

Risultano, invece, in aumento i denunciati (più 5 per cento) e gli arrestati (più 10 per cento).

Inoltre, nella graduatoria dei delitti totali in rapporto al numero di abitanti spicca l’Emilia Romagna, con Rimini in testa (quasi 7.500 reati ogni 100 mila abitanti), immediatamente seguita da Bologna, Milano, Torino, Genova, Firenze e Roma.

Napoli si aggiudica, invece, il record degli omicidi 65 casi nel 2008, anche se in diminuzione rispetto al 2007.