Somalia: giornalista canadese rapita ridotta a schiava sessuale, forse incinta dopo la violenza

Pubblicato il 8 Maggio 2009 15:21 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2015 13:05

In quel luogo senza legge senza Stato, in quel “buco nero” della civiltà e della geografia che è diventata la Somalia, una giornalista è stata prima rapita e poi ridotta in schiavitù. Questa la sorte della canadese Amanda Lindhout, rapita in Somalia lo scorso 23 agosto insieme al collega Nigel Brennan. Lo rivela Yussuf Hassan, un reporter locale che l’ha vista da lontano in una casa di Bakara Market, la zona centrale e più pericolosa di Moga­discio: «Non mi hanno fatto avvicinare. Lei aveva il velo e la pelle molto bianca, mentre ilM* CAL0717-PRESIDENTS2 suo collega era seduto un po’ più distante», ha rivelato il reporter.

Secondo i quotidiani locali, Amanda, pelle bianchissi­ma, esile, capelli biondi, 28 anni, sarebbe diventata una schiava del sesso, violenta­ta ogni giorno a turno dai suoi rapitori. Ni­gel invece sarebbe stato costretto a sposa­re un paio di donne somale, naturalmente dopo essersi convertito all’Islam. La ver­sione del sito internazionale “Jihad Watch” aggiunge un particolare ancora più drammatico: uno dei suoi rapitori l’avreb­be costretta a diventare sua moglie, dopo averla violentata. Ora la giornalista-schiava sarebbe incinta.

Ma uno dei rapitori, di nome Idriss, smentisce: «Amanda non è incinta e Niger non è sposa­to. I due stanno bene ed i rapitori chiedono due milioni e mez­zo di dollari, ma io non ho preso parte al sequestro». Fonti dell’ambasciata cana­dese a Nairobi rivelano che per i due gior­nalisti sono stati messi a disposizione 250 mila dollari.