Svizzera/ Il ghiacciaio si sta sciogliendo troppo? Due comuni chiedono l’aiuto del papa

Pubblicato il 6 Agosto 2009 19:36 | Ultimo aggiornamento: 6 Agosto 2009 19:36

il-ghiacciaio-aletsch«Il ghiacciaio si sta sciogliendo troppo, serve l’aiuto del papa». È una richiesta curiosa quella degli abitanti dei comuni di Fiesch e Fischertal, in Svizzera, che, per salvare il ghiacciaio di Aletsch dal riscaldamento globale hanno richiesto udienza a Benedetto XVI.

Una devozione, quella degli abitanti dei paesini elvetici, che ha già un precedente. Nel 1678, infatti, gli svizzeri avevano già fatto un voto relativo al ghiacciaio di Aletsch, impegnandosi a «vivere virtuosamente e pregare per arginarne la crescita». Dal 1682, poi, ogni anno si tiene una processione annuale.

Le bizzarrie del clima, però, hanno fatto cambiare le esigenze degli abitanti. Aletsch, è il ghiacciaio più grande d’Europa e sta soffrendo, come tutti gli altri per il riscaldamento globale e negli ultimi 10 anni la sua estensione si è ridotta del 12%.

Da qui, l’esigenza di cambiare il voto. Per farlo, però, spiega il parroco Pascal Venetz, serve un’autorizzazione formale da parte del papa.  Gli svizzeri però, sono ottimisti e sperano che l’agognata udienza possa arrivare tra settembre e ottobre: «Speriamo che Benedetto XVI decida a nostro favore vista la grande sensibilità mostrata in tema di cambiamento climatico».