Tra le api operaie delle news

Pubblicato il 17 luglio 2010 12:00 | Ultimo aggiornamento: 17 luglio 2010 12:00

da: Il Sole 24 Ore

P er un giornalista visitare la sede dell’Economist è come per un amante della Nutella avere accesso alla fabbrica della crema di nocciole e cioccolato più famosa al mondo. Già solo entrare nell’edificio di Saint James Street che ospita la redazione del settimanale e gli altri uffici del gruppo è una piccola grande emozione. Perché l’Economist è stato ed è un mito per generazioni di giornalisti, economici e non. Lo è in un mondo in cui ai giornalisti – e soprattutto ai lettori – di miti ne restano pochi. Il New York Times dava lavoro a un tale Jayson Blair che – si è scoperto a premio Pulitzer assegnato – copiava o inventava gli articoli; Business Week era talmente in crisi che è stato venduto a Bloomberg per un dollaro; il Washington Post, senza il quale non avremmo avuto lo scandalo Watergate, taglia le sedi di corrispondenza; Larry King viene licenziato perché non fa abbastanza ascolti.

L’Economist no, l’Economist è «alive and kicking», vivo e combattivo, potremmo dire. La sua reputazione non è stata scalfita da clamorose sviste o errori (anche perché quando sbaglia lo ammette) e la diffusione è addirittura in crescita . L’Economist potrebbe pavoneggiarsi, guardando a un mondo della carta stampata in crisi di diffusione ma anche di idee e credibilità. Però non lo fa: sull’edificio non troneggia alcuna scritta gigantica, come quella del New York Times. Il logo bianco e rosso è disseminato qua e là, come briciole sul cammino di Hansel e Graetel e conduce dall’atrio al…

Leggi l’articolo originale

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other