Usa, Obama accantona lo scudo antimissile in Europa dell’est

Pubblicato il 17 Settembre 2009 7:35 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2009 8:22

L’amministrazione di Barack Obama ha intenzione  accantonare il progetto, messo a punto sotto la precedente Presidenza Usa di George W . Bush, per un ampliamento all’Europa dell’Est del sistema nazionale di difesa anti-missilistica.  Il cosiddetto “scudo”, prevedeva l’installazione di batterie di intercettori in Polonia e di una stazione radar di primo avvistamento nella Repubblica Ceca.

Lo scrive  il quotidiano finanziario “Wall Street Journal”, che fa riferimento a proprie anonime fonti governative. «Gli Stati Uniti – spiega il giornale – fondano la loro decisione sulla valutazione secondo cui il programma dell’Iran per dotarsi di missili a lunga gittata non ha compiuto progressi tanto rapidi quanto era stato stimato anteriormente, riducendo così la portata della minaccia per il territorio continentale statunitense e per le principali capitali europee».

Si tratta, è sottolineato nell’articolo, di una mossa prevedibilmente destinata a «placare la Russia», ma anche a «inasprire il dibattito sulla sicurezza in Europa».

«Le conclusioni, che si prevede saranno completate per l’inizio della prossima settimana al termine di un periodo di analisi di sessanta giorni ordinato dal presidente Obama, costituiranno – prosegue il Wall Street Journal – un’essenziale inversione di tendenza rispetto all’amministrazione Bush che, prima di lasciare l’incarico, premette aggressivamente per intraprendere la costruzione del segmento est-europeo del sistema».