Vogue Italia/ Modelle abbigliate nel più classico degli stili con trine, sete, plissé, e tessuti preziosi. Intanto la direttrice di Vogue UK dice basta alle modelle anoressiche

Pubblicato il 15 giugno 2009 9:38 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2009 9:38

Proprio mentre la direttrice dell’edizione britannica di Vogue dice basta alle taglie piccolissime adatte al massimo per modelle anoressiche – e la cui immagine deve essere corretta con photoshop – Vogue Italia rilancia una moda che più classica non si può, con trine, sete, tessuti impreziositi da gioielli.

Ci sono molti modi di intendere il romanticismo oggi. Nella moda, le varianti si moltiplicano all’infinito secondo la chiave di lettura di stilisti e stylist. Per Vogue Italia il neo romanticismo non è mai privo di accenni di fetish, in osservanza al diktat che ne richiede una spolveratina qui e là nelle ricette dello stile delle ultime stagioni.

Per l’editoriale del numero di Giugno Vogue Italia ha scelto di mettere in scena una teoria di modelle abbigliate nel più classico degli stili con trine, sete, plissé, damasco e tessuti preziosi ma con accessori che capovolgono repentinamente l’allure romantica che pervade gli ambienti: maschere, accenni di bondage e vari accessori di chiara ispirazione fetish compongono un quadro che a tratti disturba, perché straniante, ma a tratti convince, per la stessa ragione.