YouTube è il nuovo modo per farsi pubblicità: promuovere il proprio prodotto potrebbe portare risultati inaspettati, ma le delusioni sono sempre dietro l’angolo

Pubblicato il 21 agosto 2009 10:34 | Ultimo aggiornamento: 21 agosto 2009 12:15

lauren-luke-step-1-001Fare una pubblicità per promuovere i tuoi prodotti è certamente una cosa efficace, ma comporta una grande spesa di soldi e di tempo. Ecco quindi un nuovo modo per “autopubblicizzarsi”. Il fenomeno sta prendendo sempre più piede e farlo è tanto semplice, bastano un computer ed una webcam, oltre naturalmente al prodotto che si desidera vendere.

La pubblicità viene fatta in maniera semplice grazie a YouTube che ti consente di caricare il video del vostro spot o delle dimostrazioni dei vostri prodotti di vendita. Questo nuovo modo si sta divulgando sempre di più e può portare risultati di vendita inaspettati.

Un esempio può essere la storia di Lauren Luke, una ragazza-madre di 27 anni di South Schields, vicino a Newcastle, la quale per promuovere i suoi prodotti cosmetici ha deciso di aprire un canale su YouTube: l’idea era di riprendersi con la webcam mentre si truccava, spiegando gli effetti che si possono ottenere con i vari prodotti cosmetici.

La sua serie di “lezioni di trucco”, la cui produzione è costata zero sterline, è diventata un successo formidabile e i video del suo canale su YouTube sono stati visti 50 milioni di volte in 70 paesi del mondo. Se ne sono accorti anche i grandi organi d’informazione, l’Observer, la Bbc, il New York Times. E Lauren è riuscita a trasformare la notorietà in una miniera d’oro: la catena di distribuzione di cosmetici Sephora ha deciso di commercializzare in esclusiva una linea di prodotti con il marchio By Lauren Luke.

Non si tratta di un caso isolato, e oltre alle varie lezioni di trucco,  ci sono quelle di  marketing, di  pianoforte, d’inglese.

YouTube, e non solo, sta sconvolgendo anche il mondo della pubblicità, ma attenzione, come spiegano gli esperti del settore, sfondare non è facile, ci sono milioni di persone che mettono i propri video dimostrativi, ma solo in pochi poi ce la fanno e riescono a guadagnarci qualcosa. Una bella idea ed un video accattivante potrebbero non bastare anche perchè i filmati devono essere mirati e coinvolgere quel gruppo di persone interessate al prodotto, senza poi trascurare un piccolo particolare: YouTube non è visto da tutti, a differenza della televisione.