Arance infette dalla Tunisia: è allarme per la “macchia nera”, un fungo molto dannoso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 maggio 2019 23:48 | Ultimo aggiornamento: 11 maggio 2019 8:15
arance tunisia

Arance infette dalla Tunisia: è allarme per la “macchia nera”, un fungo molto dannoso

BRUXELLES – Sia in aprile che in marzo le autorità fitosanitarie europee hanno intercettato arance provenienti dalla Tunisia contaminate dal fungo della ‘macchia nera’, che danneggia la buccia degli agrumi rendendoli invendibili. Il database Europhyt conferma l’allarme dell’organizzazione agricola spagnola Asaja, che in una nota sottolinea come “l’individuazione per la prima volta di questo pericoloso fungo nelle arance tunisine” porti il patogeno nel Mediterraneo, “alle porte della Spagna e del resto dei Paesi dell’Unione europea”. Proprio per il rischio macchia nera attualmente sono soggetti a controlli eccezionali alle frontiere Ue gli agrumi importati da Argentina, Brasile, Sudafrica e Uruguay.

Secondo la Cia-Agricoltori italiani, infatti, nel caso questa fitopatia si diffondesse sul territorio italiano provocherebbe danni irreparabili al patrimonio agrumicolo, mettendo a rischio uno dei più importanti comparti della nostra agricoltura nel Meridione.

Anche la Coldiretti chiede lo stop degli arrivi di agrumi dalla Tunisia, che l’anno scorso ne ha esportati in Italia circa 162mila chili: “L’Italia – si legge in una nota -non puo’ permettersi l’invasione di altri patogeni alieni dopo che, dalla “tristeza” degli agrumi alla Xylella fastidiosa, dalla cimice moarmorata asiatica al moscerino killer, fino al cinipide del castagno, hanno fatto strage dei raccolti”. (fonte ANSA)