Batteri sconosciuti resuscitano, si sciolgono i ghiacciai

di Dini Casali
Pubblicato il 16 aprile 2019 11:02 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2019 11:02
Batteri sconosciuti resuscitano, si sciolgono i ghiacciai

Batteri sconosciuti resuscitano, si sciolgono i ghiacciai

ROMA – Resuscitano batteri mai visti liberati dai ghiacciai in via di scioglimento. Nella Siberia profonda, dove il riscaldamento globale procede a ritmi due volte e mezza più rapido che nel resto del mondo, il disfacimento della spessa cortina di permafrost nasconde altre insidie, potenzialmente devastanti, rispetto a quelle conosciute.

Riemergono dai ghiacci le carcasse degli animali morti, segnatamente tra i numerosi cimiteri di renne sui sentieri delle migrazioni, liberando spore e batteri rimasti in sonno per migliaia di anni.

Organismi che resuscitano a nuova vita minacciando il sistema immunitario umano che quei batteri non li ha mai conosciuti per organizzare una risposta biologica.

“Se l’area di queste emissioni – ha detto Boris Kershengolts, biologo di Jakutsk in Siberia – si sovrappone a quella dei cimiteri di animali o di umani che sono morti per infezioni nei secoli passati, le spore e gli agenti patogeni potrebbero spargersi per una zona molto vasta. Potrebbe trattarsi di un disastro non solo per l’Artico: la catastrofe potrebbe essere superiore a quella di Chernobyl”. (fonte La Stampa)