Caffè, capsula biodegradabile Lavazza-Novamont: smaltita come rifiuto umido

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Marzo 2015 11:12 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2015 11:13
Caffè, capsula biodegradabile Lavazza-Novamont: può essere smaltita come rifiuto umido

Caffè, capsula biodegradabile Lavazza-Novamont: può essere smaltita come rifiuto umido

ROMA – Una cialda di caffè espresso biodegradabile che può essere smaltita come rifiuto umido subito dopo l’utilizzo. E’ il risultato di un progetto di ricerca durato cinque anni e condotto da Lavazza e Novamont, in collaborazione con il Politecnico di Torino. Si tratta della prima capsula compostabile al 100%, realizzata in Mater-Bi di terza generazione, una bio-plastica che può essere completamente riciclata, così come i fondi di caffè.

Sette grammi di caffè in una cialda destinata a trasformarsi, dopo l’uso, in anidride carbonica, acqua e compost. Si tratta di un progetto che ha richiesto cinque anni di ricerca per reggere a una pressione di otto atmosfere e a una temperatura di 90 gradi. La capsula al 100% compostabile potrà essere “provata” durante Expo 2015 e sarà disponibile sul mercato a partire dal 2016.

La capsula consente di mettere in moto un processo economico del tutto innovativo: quello che era considerato semplicemente un rifiuto (i fondi del caffè) nel nuovo ciclo diventa una potenziale risorsa. “Al mondo sei milioni di tonnellate di fondi di caffè restano inutilizzati”, hanno spiegato i ricercatori del Politecnico. “È un peccato, perché il caffè è un materiale naturale, ricco di cellulosa, grassi. Le sue potenzialità di riciclo sono molte”.