Ondata di caldo in Russia fa incendiare la torba, Mosca invasa dal fumo

Pubblicato il 26 luglio 2010 11:46 | Ultimo aggiornamento: 26 luglio 2010 11:48

Torba

Un’ondata di caldo nella Russia centrale, che dura ininterrottamente da due mesi, ha fatto incendiare la torba in oltre una trentina di zone attorno a Mosca. Il fumo ha invaso tutta la città e la visibilita’ non supera i 300 metri.

I vigili della protezione civile tentano di spengere i fuochi ogni giorno, e gli elicotteri versano ben 550 tonnellate di acqua ogni 24 ore nei dintorni della capitale, ma non riescono a spengere i fuochi. L’istituto di sanità chiede ai moscoviti di tenere in casa bambini, anziani, malati e donne incinte per evitare l’aria ovunque inquinata.

Nelle ultime quarant’otto ore intanto altre tre persone sono annegate nelle rive del fiume Moscova, portando a 155 il numero dei morti in acqua dall’inizio dell’estate. Le previsioni sono fosche: nei prossimi tre giorni le temperature aumenteranno fino a 39-40 gradi. Solo il 3 agosto le temperature potrebbero scendere fino ai 30 gradi alll’ombra.