Calvi Risorta, 2 mln di metri cubi di rifiuti velenosi. Discarica abusiva più grande nella Ue

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Giugno 2015 14:00 | Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2015 14:00
Calvi Risorta, 2 mln di metri cubi di rifiuti velenosi. Discarica abusiva più grande nella Ue

Calvi Risorta, 2 mln di metri cubi di rifiuti velenosi. Discarica abusiva più grande nella Ue

NAPOLI – Venticinque ettari di terreno che nascondo l’immondezzaio (abusivo) più grande d’Europa. E’ Calvi Risorta, in provincia di Caserta. Là sono stati sversati due milioni di metri cubi di rifiuti. Materiale chimico di tutti i tipi, ancora in fase di analisi e catalogazione. Pericoloso sicuramente: non si sa ancora quanto, per cosa e per quanto tempo.

Quella di Calvi Risorta è un’area industriale che è stata dismessa da almeno 30 anni. Ma là i rifiuti sono stati accumulati fino a pochi anni fa. L’elenco, parziale, di cosa ci sia là sotto lo fa Repubblica:

fanghi industriali, bustoni di 25 chili contenenti una volta sostanze chimiche tossiche prodotte da aziende francesi, altri fusti deteriorati con tracce di solventi e vernici.

Gli scavi e il campionamento dei rifiuti sono iniziati qualche giorno fa. E la sensazione è che di lavoro da fare ce ne sia davvero tanto. Ancora Repubblica:

La Procura di Santa Maria Capua Vetere vuole fare chiarezza, per ora iscrivendo sul registro degli indagati una decina di proprietari dei terreni sotto accusa. Obiettivo: scoprire cosa c’è sotto la Terra dei fuochi. Ma intanto il dibattito si accende come i roghi dei rifiuti.

Si parte con l’ultima dichiarazione, quella del comandante del Corpo forestale Sergio Costa, secondo il quale si tratta di una discarica immensa, con almeno due milioni di metri cubi di rifiuti sotterrati in un’area vasta venticinque ettari. Fin qui si tratta di calcoli che verranno confermati dai ritrovamenti.