Clima/ Ministro indiano per l’Ambiente gela la Clinton: ”Niente limiti alle emissioni di carbonio”

Pubblicato il 20 Luglio 2009 15:12 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2009 15:58

jairam_rameshIl ministro dell’Ambiente indiano Jairam Ramesh nei suoi colloqui lunedì col segretario di stato americano Hillary Clinton ha respinto senza tanti giri di parole la proposta di accettare limiti vincolanti alle emissioni di carbonio prodotte dal suo Paese, a quanto riferisce il Wall Street Journal. Ramesh ha anche scartato l’ipotesi della Clinton che India e Stati Uniti collaborino per combattere i cambiamenti climatici.

La replica di Ramesh giunge proprio mentre l’amministrazione del presidente americano Barack Obama sta cercando di ottenere un nuovo patto globale sul clima. «Non è assolutamente giusto che l’India, che ha le più basse emissioni pro capite, debba ulteriormente ridurle», ha detto il ministro, il quale ha aggiunto: «E se le pressioni cui siamo soggetti non fossero già abbastanza, abbiamo di fronte la minaccia di subire tariffe sul carbonio prodotto per le esportazioni negli Stati Uniti ed altri Paesi».

Come la Cina, l’India da tempo rifiuta di accettare vincoli sulle emissioni di carbonio, argomentando che essi limiterebbero la sua espansione economica, mentre l’Occidente, durante la sua industrializzazione, ha prodotto per un secolo gas di serra senza che nessuno gli abbia imposto limiti.