Fukushima, scimmie cavie per misurare i livelli di radiazione

Pubblicato il 14 Dicembre 2011 15:44 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2011 15:45

FUKUSHIMA (GIAPPONE) – Un nuovo progetto, condotto dai ricercatori dell’Università di Fukushima, coinvolgerà le scimmie locali, che saranno munite di collari dotati di misuratori di radiazioni e trasmettitori Gps. Gli scienziati saranno così in grado di monitorare i livelli di radiazione in profondità, in tutte le aree forestali attorno a Fukushima, sede della centrale nucleare gravemente danneggiata dal terremoto e dallo tsunami dello scorso 11 marzo.

I collari saranno staccabili a distanza alla fine della sperimentazione, che durerà per circa due mesi, secondo il team di scienziati guidato dal professor Takayuki Takahashi. Abbiamo deciso di utilizzare scimmie per questo progetto perché il territorio coperto sia conosciuto approfonditamente conosciuto dalla ocomunità scientifica ” ha detto il professor Takahashi.  Le foreste della regione di Fukushima sono attualmente monitorate per i livelli di radiazione per via aerea, con test che si svolgono a bordo degli elicotteri. Tuttavia, gli scienziati sono desiderosi di ottenere dati più dettagliati sui livelli di radiazione negli habitat forestali e sulla conseguente esposizione alla contaminazione degli animali selvatici nella regione.

La variegata gamma di altezze in cui le scimmie trascorrono il loro tempo permetterà inoltre agli scienziati di ottenere un ampio spettro di dati a livello di radiazione, dal sottobosco fino alle cime degli alberi. Il progetto sarà lanciato a Minamisoma, una zona duramente colpita dallo tsunami e dal terremoto, situata appena fuori dalla zona di esclusione, circa 16 miglia a nord dell’impianto di Fukushima.  Si ritiene che ben 14 gruppi di scimmie risiedono nelle foreste sulle montagne a ovest della città di Minamisoma, dove lo studio si concentrerà.