Fukushima, l’Agenzia atomica nipponica: “Da decidere la chiusura dei reattori 5 e 6 “

Pubblicato il 13 Aprile 2011 14:10 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2011 14:50

TOKYO – Lo smantellamento dei reattori 5 e 6, non coinvolti nella crisi della centrale di Fukushima, è ”da decidere dopo aver ascoltato i residenti dell’area”. Lo ha detto Hidehiko Nishiyama, portavoce dell’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare, rispondendo a una domanda dell’ANSA.

All’indomani della decisione di rialzare il grado della gravità della crisi nucleare, da 5 a 7, il massimo livello che è lo stesso di Cernobyl, il Giappone potrebbe ‘salvare’ la parte ancora utilizzabile della centrale, malgrado il premier Naoto Kan abbia detto nelle scorse settimane che il ”decomissionamento” era nel futuro dell’impianto.

”L’alimentazione elettrica è garantita e le fonti di energia sono stabili”, ha spiegato Nishiyama, in merito ai due reattori che non erano in funzione l’11 marzo scorso, giorno del potente terremoto che ha generato il devastante tsunami, a causa delle periodiche attività di manutenzione.

”Normalmente dopo le ispezioni dei danni i reattori rientrano in funzione, ma questa volta, considerando i timori generati, dovremo decidere – ha detto il portavoce dell’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare (Nisa) – dopo aver ascoltato le opinioni del residenti nell’area che circonda la centrale”.

Altro punto importante, ha spiegato, è ”la questione dei lavoratori che si troverebbero a operare accanto ai 4 reattori” che stanno avendo problemi e devono essere messi in sicurezza: ”Anche di tutto questo dovremo tenerne conto”, ha concluso.

Poco prima Masataka Shimizu, il numero uno della Tepco, il gestore dell’impianto, aveva spiegato in una conferenza stampa che non era ”ancora deciso il destino di reattori 5-6”.