Ischia, EVI replica ai Verdi: “Dichiarazioni fantasiose, siamo rimasti sbigottiti”

Pubblicato il 27 luglio 2010 12:10 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2010 12:10

Dopo le segnalazioni di Francesco Emilio Borrelli, commissario regionale dei Verdi,  e del notaio Antonio Arturo sull’inquinamento delle acque di Ischia dovuto alla rottura di una condotta della rete fognaria sottomarina di Sant’Angelo, nel comune di Serrata Fontana, p arrivata la risposta dell’Evi, Energia verde idrica.

Domenico di Vaia, liquidatore unico dell’EVI spa, ha infatti dichiarato: “Premetto subito che, al momento in cui scrivo queste note, i lavori di riparazione sono iniziati, e si stima di portarli a termine entro dieci giorni, condizioni meteo-marine permettendo. Preciso, altresì, che la “falla” in questione è delle dimensioni di un dito: va da sé, quindi, che la “rottura” non può provocare notevoli e vistosi fenomeni di inquinamento”.

Su colore che hanno segnalato la presunta mancanza dell’EVI, Di Vaia afferma: “C’è da restare molto sorpresi, per non dire sbigottiti, di fronte alle fantasiose dichiarazioni rilasciate dall’ex assessore provinciale Borrelli e dal notaio Nino Arturo. Si precisa che il notaio non ha conferito alcun improbabile incarico ad un sommozzatore di effettuare ispezioni alla condotta fognaria sottomarina di S. Angelo. – e aggiunge –  Il professionista ha contattato l’Area Tecnica dell’”Energia Verde Idrica” affermando di aver sentito dire che c’era ‘una grossa perdita alla condotta’:ma l’EVI era già a conoscenza dell’esistenza di una piccolissima falla, confermata da un altro sub che aveva effettuato un’ispezione su richiesta del sindaco del Comune di Serrara Fontana. Davvero non si capisce come si sia potuti arrivare ad una ricostruzione che sembra una spy-story avente per protagonisti Borrelli ed Arturo”.