Napoli, Lettieri cala l’asso Bertolaso: “Se sarò sindaco si occuperà di rifiuti”. Carta vincente o autogol?

Pubblicato il 20 Maggio 2011 12:10 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2011 12:10

NAPOLI – Gianni Lettieri, candidato sindaco di Napoli per il Pdl, tira fuori dalla manica “l’asso Bertolaso” in vista del ballottaggio: “Se vincerò collaborerà con me”. Lettieri ha ribadito questa intenzione, già manifestata nei giorni scorsi, anche durante il confronto televisivo con Luigi De Magistris, tenutosi negli studi di Sky.

Certo, il nome di Bertolaso potrebbe rivelarsi un autogol, visti i suoi precedenti con la “munnezza” napoletana. Nominato commissario straordinario per l’emergenza da Berlusconi, Bertolaso sembrava in un primo momento aver fatto “sparire” la spazzatura che affogava la città.

Successivamente, Bertolaso risultò indagato nell’ambito dell’inchiesta “Rompiballe”, con le accuse di traffico illecito di rifiuti, falso ideologico e truffa ai danni dello Stato. Con le stesse accuse fu arrestata, Marta Di Gennaro, ex braccio destro di Bertolaso.

Ma Lettieri ritiene comunque che la carta Bertolaso possa essere giocata a proprio favore, visto che, avendo lavorato in quella terra, l’ex sottosegretario conosce già il territorio e presumibilmente avrà creato una rete di contatti che potrebbe tornargli utile per combattere l’emergenza.

Durante il confronto con De Magistri, Lettieri ha puntato forte sulla questione rifiuti: “Dopo una settimana non ci saranno rifiuti per strada, anche grazie alle indicazioni e ai suggerimenti che mi ha dato Bertolaso”.