Maltempo, allerta arancione nel Lazio per le prossime 24-36 ore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Novembre 2018 14:49 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2018 14:49
allerta meteo

Maltempo, allerta arancione nel Lazio per le prossime 24-36 ore

ROMA – “L’Agenzia regionale di Protezione civile ha emesso oggi un bollettino di criticità idrogeologica per temporali che prevede, a partire dal pomeriggio di oggi, lunedì 19 novembre e per le prossime 24-36 ore, codice arancione per rischio idrogeologico per temporali su tutte le zone di allerta del Lazio”. Lo comunica in una nota la Protezione civile della Regione Lazio.

“Nel ribadire le raccomandazioni già diramate in ordine alle criticità idrogeologiche e idrauliche – si legge – si ricorda a tutti i Sindaci dei Comuni (in qualità di Autorità Protezione Civile) interessati dall’avviso meteo avverso con fase di Preallarme (Codice Arancione), che ai sensi della DGR 415/2015 (Aggiornamento alle Linee Guida per la pianificazione di emergenza comunale), fra i loro compiti hanno l’obbligo di convocare il COC (Centro Operativo Comunale) e le Funzioni di Supporto come codificate nel Piano di emergenza Comunale. Il COC dovrà restare in funzione H24 fino al ritorno a uno stato di allarme di Attenzione (Codice Giallo). Si raccomandano, inoltre, le Amministrazioni comunali a mettere in atto ogni misura idonea prevista dalla pianificazione comunale di emergenza in relazione agli specifici rischi connessi all’allertamento in questione.

La Sala Operativa Regionale ha diffuso l’allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda, infine, che per ogni emergenza la popolazione potrà fare riferimento alle strutture comunali di Protezione civile alle quali la Sala Operativa Regionale garantirà costante supporto”.

Nuova ondata di maltempo al Centro-Sud, neve al Nord

Nuova ondata di maltempo sull’Italia per un vortice mediterraneo che porterà rovesci e temporali anche intensi al Centro-Sud e sulle isole Maggiori. Il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara spiega che saranno “colpite in particolare le regioni tirreniche tra cui Lazio, Campania, Calabria e Sicilia dove non si escludono nubifragi, mentre sull’Appennino cadrà la neve, inizialmente a 800-1200 metri su quello centrale ma con quota in rialzo”. Peggiora anche al Nord con primi deboli fenomeni su Alpi, Prealpi, Piemonte, lunedì sera-notte in risalita sul resto del Settentrione. Martedì precipitazioni sul Nordest, mentre migliorerà gradualmente al Nordovest.

Dove il clima sarà decisamente invernale, tanto che la neve cadrà a quote basse e in genere oltre 400-700 metri, ma anche fin verso i 200-400 metri in Piemonte e a tratti in pianura sull’Emilia, mista a pioggia. I fiocchi misti a pioggia saranno possibili su città come Bologna, Reggio Emilia e Modena. Neve debole a Cuneo, a tratti in pianura sul torinese occidentale “Buona parte dell’Europa fa i conti con un anticipo di inverno con freddo e neve dalla Germania alla Russia, passando per i Balcani.

Dopo il crollo delle temperature con punte fino a -8°C, fiocchi bianchi hanno raggiunto Vienna, Praga, Budapest, Lubiana, Bucarest, Sofia e anche Monaco di Baviera. Disagi sui Paesi della ex Jugoslavia dove si segnalano accumuli abbondanti dalle quote collinari. Neve in collina anche sulla Grecia. Nel frattempo la Spagna è bersagliata dai nubifragi, con allagamenti specie sulle aree affacciate al Mediterraneo. Maltempo anche sulle Canarie con violente mareggiate.