Maltempo e freddo record, mezzo mondo nel gelo: temperature in Italia giù di 10 gradi

Pubblicato il 27 Dicembre 2010 12:46 | Ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2010 13:04

Mezzo mondo è stretto nella morsa del maltempo, con temperature in picchiata e neve che hanno causato vittime e forti disagi nei trasporti.

ITALIA: Dopo le forti piogge che a Natale hanno alzato il livello dei fiumi del veneto, una nuova ondata di gelo interessa ora il paese. Le temperature scenderanno di 10-15 gradi, per un capodanno al freddo anche se ovunque sarà soleggiato fino al 9 gennaio. Picco di -12 gradi a Cortina D’Ampezzo, e analoghe temperature per Falcade e Auronzo, mentre Arabba raggiunge i -11 gradi. pericolo frane lungo la fascia prealpina, specialmente nel trevigiano, a cause del maltempo.

USA, STATO DI EMERGENZA NEL NORDEST: Nel nordest degli Stati Uniti nevica da ore e per oggi è atteso mezzo metro di neve accompagnata da una gelida tormenta di neve, che promette di aumentare i disagi. Oltre al Jfk, anche gli altri due principali scali di New York, La Guardia e Newark, sono praticamente fermi da ieri sera. Centinaia i voli cancellati. Disagi anche su strade e ferrovie: molte linee sulla costa orientale sono state fermate. Cinque stati – North Carolina, Virginia, Maryland, New Jersey e Massachusetts – hanno dichiarato ieri lo stato di emergenza e stamani si è aggiunto il Maine. Lo stesso hanno fatto i sindaci di Philadelphia, Boston, Providence, Rhode Island, Portland e New York.

RUSSIA, 1.300 FERITI PER GHIACCIO A MOSCA: Ritardi, anche di alcune ore, si registrano all’aeroporto internazionale Domodedovo a Mosca, dopo il blocco di diverse ore di ieri. Una trentina di voli sono invece stati cancellati all’altro aeroporto internazionale, Cheremetievo. A Mosca, diverse linee del trasporto pubblico sono state bloccate. Nella capitale, nelle ultime 24 ore si sono registrati 1.300 feriti causati dal freddo che ha ghiacciato le strade. Il maltempo crea disagi anche nell’approvvigionamento elettrico: circa 67.000 persone sono rimaste senza corrente a Mosca e in altre zone della Russia centrale.

POLONIA, OTTO MORTI A NATALE: Il freddo ha causato la morte di otto persone durante le feste di Natale in Polonia, facendo salire a 127 il bilancio delle vittime del maltempo nel Paese dallo scorso novembre. Le vittime sono soprattutto uomini tra i 35 e i 60 anni, senza fissa dimora e spesso alcolizzati. Dopo una breve tregua tra giovedì e venerdì scorsi, le temperature sono di nuovo scese a meno 10 gradi in gran parte del Paese. Nello scorso inverno, 298 persone sono morte per il freddo in Polonia.

BELGIO, NEVICATE STRACCIANO RECORD 1906: Nel 2010, i giorni di neve sono stati 53, quattro in più dell’anno record del 1906. E prima della fine dell’anno, il servizio meteorologico nazionale prevede altri due giornate di neve. Il peggio sembra tuttavia passato: la neve ha causato forti disagi al traffico aereo, decine di passeggeri hanno passato la notte di Natale all’aeroporto di Bruxelles.