Marea Nera, Usa: stop fino al 2017 delle trivellazioni nell’Atlantico

Pubblicato il 2 Dicembre 2010 2:05 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2010 2:38

L’amministrazione del presidente Barack Obama ha annunciato ieri la decisione di bloccare almeno sino al 2017 le trivellazioni petrolifere al largo delle coste atlantiche e di quelle della Florida che si affacciano sul golfo del Messico. La decisione, annunciata dal ministro dell’Interno Ken Salazar, vieta fino al 2017 lo sfruttamento di gas naturale e petrolio nelle zone dove attualmente non è autorizzata alcuna attività di trivellazione, come è il caso della parte orientale del Golfo del Messico e della parte atlantica centrale e meridionale, dal Delaware alla Florida.

L’amministrazione Obama è così tornata sui suoi passi: il b31 marzo scorso, tre settimane prima della marea nera nel Golfo del Messico, aveva annunciato l’apertura all’esplorazione petrolifera di nuove zone al largo delle coste, una scelta ”difficile” che Obama aveva allora giustificato con la necessità di assicurare l’indipendenza energetica agli Stati Uniti. ”Abbiamo rivisto il nostro annuncio di marzo … per impiegare le nostre risorse verso zone dove sono già in vigore permessi di trivellazione”, ha detto Salazar.

Il blocco annunciato ieri non interessa la parte del golfo del Messico che è stata teatro della peggior marea nera della storia degli Usa, scatenata dall’esplosione di una piattaforma dell Bp il 20 aprile scorso a sud della Louisiana. Le trivellazioni potranno proseguire in questa zona, che conta decine di piattaforme in attività.