Milano, allarme polveri sottili: entro il 2030 città più inquinata in Ue

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2015 14:33 | Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2015 14:33
Milano, allarme polveri sottili: entro il 2030 città più inquinata in Ue

Milano, allarme polveri sottili: entro il 2030 città più inquinata in Ue

MILANO –  Entro il 2030 la città di Milano sarà la più inquinata in EuropaL’allarme polveri sottili a Milano è sempre più attuale secondo uno studio austriaco pubblicato sulla rivista scientifica International Institute for Applied Systems Analysis e rilanciato dal quotidiano statunitense “Washington Post“.

Lo studio degli scienziati d’oltralpe sostiene che entro 15 anni l’inquinamento nei Paesi più esposti aumenterà inesorabilmente, a meno che non siano prese precauzioni per ridurre la percentuale di Pm10 nell’aria. Le stime dello studio sono basate sul fatto che già ora, malgrado l’adozione di politiche per limitare le emissioni di particelle inquinanti, molte capitali europee continuino a sforare i paletti fissati sia dall’Unione Europea, sia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Gregor Kiesewetter, lo studioso che ha guidato la ricerca, ha spiegato:

5 x 1000

“È necessario innalzare i controlli. La normativa attuale è insufficiente. L’inquinamento atmosferico ha un forte impatto sulla salute umana, è causa di disturbi epatici e cardiaci. Entro il 2030, l’introduzione di filtri per le particelle di diesel avranno diminuito l’impatto sull’inquinamento atmosferico del traffico locale in alcune città europee”.

Parigi e Milano, in Europa, sono le città europee più a rischio: l’inquinamento solo a Parigi potrebbe causare problemi a oltre 12 milioni di persone, e l’inquinamento atmosferico in Europa è già la causa di morte di 400 mila persone ogni anno. Un modo per invertire la rotta però ancora c’è, spiega Kiewesetter:

“Se fossero implementate le più moderne tecnologie per il controllo dei livelli di inquinamento —

il 99 per cento delle stazioni di monitoraggio europeo registrerebbero una diminuzione di Pm10 entro il 2030”.