Nesquik, addio scatola di plastica gialla: si passa al cartone. Svolta ecologista di Nestlè

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 5 marzo 2019 14:30 | Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2019 14:30
Nesquik, addio scatola di plastica gialla: si passa al cartone. Svolta ecologista di Nestlè

Nesquik, addio scatola di plastica gialla: si passa al cartone. Svolta ecologista di Nestlè

MILANO – Dopo essere finita nella lista delle multinazionali più inquinanti della Ong Break Free From Plastic insieme a Coca Cola e Pepsi, Nestlé lancia la svolta ecologista. E lo fa trasformando il packaging dei suoi prodotti dalla plastica a materiali sostenibili come il cartone. Succederà anche al Nesquik, icona di una generazione, che in primavera dirà addio alla classica scatola gialla. 

Una mossa annunciata dalla multinazionale svizzera all’inizio dell’anno nell’ambito della lotta all’inquinamento a cui il gruppo dice di voler prendere parte attiva.  Nel comunicato pubblicato sul proprio sito Nestlé annuncia di aver preso l’impegno di “rendere il 100% dei suoi imballaggi riciclabili o riutilizzabili entro il 2025. L’azienda si concentrerà in particolar modo sulla riduzione dei rifiuti plastici. (…) A livello globale, tra il 2020 e il 2025 Nestlé eliminerà tutte le plastiche utilizzate per il confezionamento dei prodotti, che non si possono riciclare o risultano difficili da trattare. Nel fare questo, Nestlé sta introducendo materiali di imballaggio alternativi nel suo portafoglio globale di prodotti e sta stringendo partnership con realtà pioniere su packaging innovativi e all’avanguardia”. 

Quindi addio alle cannucce e alla scatola di plastica per il Nesquik. Seguiranno a ruota cambiamenti nel packaging dello snack Yes! e degli Smarties. E presto il cambiamento toccherà anche le bottiglie di plastica: Nestlè annuncia che “l’utilizzo di PET riciclato raggiungerà il 35% entro il 2025 a livello mondiale e raggiungerà il 50% negli Stati Uniti, con un focus specifico sull’iconico brand Poland Spring. Ancora, entro la fine del 2025, Nestlé Waters aumenterà fino al 50% le percentuali di PET riciclato per i brand europei Acqua Panna, Levissima,Buxton e Henniez”.

Per quanto riguarda il Nesquik le novità riguardano anche la ricetta: la vecchia polvere di cacao solubile diventerà “All Natural”, con il 20% di zuccheri in meno. Naturalmente il prezzo si adeguerà ai nuovi standard, in aumento a 1,89 euro per 186 grammi. Ma gli oceani, i pesci e i nostri figli e nipoti ringraziano. 

Fonti: Nestlé, Break Free From Plastica