Nucleare fermo con la moratoria, ma l’Agenzia va avanti

Pubblicato il 24 Marzo 2011 10:00 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2011 11:14

Stefania Prestigiacomo

ROMA – L’Agenzia italiana per la sicurezza del nucleare ”andrà avanti”, nonostante la moratoria di un anno decisa dal governo. E’ quanto afferma il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, in un’intervista al Mattino. ”Nessuno vive il nucleare come una crociata – agggiunge il ministro – . E’ una delle opzioni energetiche adottate da 11 dei 12 Paesi con il Pil più alto nel mondo. Normale che se ne discuta anche da noi”.

Per la Prestigiacomo, ”l’atomo resta una scelta necessaria ma va analizzata a fondo”, alla luce degli incidenti nella centrale nucleare giapponese di Fukushima e del monitoraggio Ue delle condizioni di sicurezza delle diverse tipologie di impianti nucleari in funzione. Anche il presidente dell’Agenzia, l’oncologo Umberto Veronesi, fa sapere il ministro, condivide la pausa di riflessione dopo quanto accaduto in Giappone. Infine, la Prestigiacomo chiarisce che la moratoria non inciderà sul referendum sul nucleare perché ”non interviene sulle norme che i referendari intendono abrogare”.