Previsioni meteo 4 maggio 2014: la pioggia si sposta al Centro-Sud

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Maggio 2014 11:44 | Ultimo aggiornamento: 4 Maggio 2014 11:47
Previsioni meteo 4 maggio 2014: la pioggia si sposta al Centro-Sud

Foto Aeronautica Militare

ROMA – Prosegue lallerta maltempo su varie zone d’Italia, soprattutto al centro-sud. Tuttavia non dovrebbero più verificarsi nei prossimi giorni episodi simili all’alluvione che ha ucciso 2 persone nelle Marche. Ecco le previsioni dell’aeronautica militare per domenica 4 maggio 2014.

Situazione: ancora tempo perturbato sulle regioni del centro-sud ed in particolare quelle del medio e basso versante Adriatico per la presenza di un sistema nuvoloso legato al vecchio minimo depressionari che attualmente sui Balcani. Al Settentrione la pressione è in graduale aumento.

Nord: nubi irregolari nelle prime ore del giorno sulla Liguria e sulle aree costiere adriatiche con qualche residuo isolato rovescio; tendenza ad ampi rasserenamenti già dalla tarda mattinata. Cielo pressoché sereno sulle altre zone.

Centro e Sardegna: addensamenti compatti sulle regioni adriatiche e sulle aree appenniniche con precipitazioni diffuse, localmente di elevata intensità, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Marche ed Abruzzo in graduale attenuazione dal tardo pomeriggio. Nubi estese medio-alte interesseranno le restanti zone, con possibilità di qualche piovasco sul basso Lazio durante le ore centrali della giornata nuvolosità variabile sulla Sardegna, con nubi più compatte sul settore meridionale con qualche breve pioggia.

Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso o coperto un po’ ovunque, salvo qualche parziale schiarita sulla Campania e sull’isola, con piogge ancora diffuse ed isolati rovesci o temporali, localmente più intensi per l’intera mattinata sulla Puglia. Tendenza al miglioramento dal pomeriggio.

Temperature: in flessione le massime sulle regioni del medio e basso versante Adriatico; stazionarie sulle altre zone.

Venti: forti dai quadranti settentrionali su Umbria, Lazio, Abruzzo e Marche; da moderati a forti dai quadranti settentrionali al Sud; deboli variabili al Settentrione e sulla Toscana.

Mari: agitato il mare e Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia,il Tirreno centrale settore ovest e l’Adriatico centrale; da mossi a molto mossi i restanti bacini.