Previsioni meteo, sole e smog. Gli effetti del “mostro” anticiclone delle Azzorre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2019 12:27 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019 12:27
Previsioni meteo, sole e smog. Gli effetti del "mostro" anticiclone delle Azzorre

Previsioni meteo, sole e smog. Gli effetti del “mostro” anticiclone delle Azzorre

ROMA – Il bel tempo di questi giorni non è una buona notizia. L’Anticiclone delle Azzorre ha conquistato gran parte del nostro Paese portando una decisa stabilizzazione delle condizioni meteo. Nei prossimi giorni si ergerà ulteriormente e assumerà una caratteristica sub tropicale prendendo via via sempre più potenza. Dovremo dunque fare i conti con un vero mostro anticiclonico contro il quale poco riusciranno a fare le perturbazioni atlantiche nel tentativo di riportare il brutto tempo sull’Italia.

Il team del sito ilMeteo.it sottolinea che l’alta pressione non è solo sinonimo di bel tempo e di giornate gradevoli. I valori di pressione troppo elevati esercitano infatti una forte azione di compressione dell’aria verso il basso provocando un generale e scarso ricambio dell’aria e un inevitabile ristagno di essa negli strati bassi dell’atmosfera. Questo genere di evento si manifesta dunque sulla aree pianeggianti dove, col passare dei giorni, l’aria diventerà sempre più satura fino a provocare non solo le classiche foschie e le nebbie, ma soprattutto un sensibile peggioramento della qualità dell’aria con serie conseguenze per la nostra salute specialmente in zone come il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia.

I gas inquinanti rimangono sospesi nell’aria proprio ad altezza uomo portando appunto seri danni alla salute soprattutto per anziani e bambini. IlMeteo.it avvisa che questa situazione peggiorerà nei prossimi giorni.

A partire soprattutto da venerdì 15 febbraio e per tutto il fine settimana, le pianure del Nord e alcune aree interne del Centro, dovranno fare i conti con il grave pericolo dello smog e dell’inquinamento che comincerà a divenire sempre più elevato in particolare all’interno delle grandi città come Torino, Milano, Bologna e a scendere anche Firenze e Roma, città dove inevitabilmente si attueranno i normali piani anti smog.