Spiagge di m… la sabbia è piena di materiale fecale: lo dice una ricerca..Hawaiana

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 luglio 2015 7:24 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2015 10:38
Spiagge di m... la sabbia è piena di materiale fecale: lo dice una ricerca... Hawaiana

(LaPresse)

MANOA, HAWAII – Occhio alla sabbia, dicono i ricercatori dell’Università di Manoa, Hawaii. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista ”Environmental Science & Technology” dimostra infatti che c’è 100 volte più materiale fecale in spiaggia che in acque vicine a condotti fognari. 

I ricercatori hanno effettuato esperimenti in laboratorio su sabbia, acqua di mare e acqua di fogna e hanno scoperto, spiega il ricercatore Tao Yan, che ”i batteri in questione (enterococchi e Clostridium perfringens) hanno mostrato tassi di decadimento molto più lenti sulla sabbia piuttosto che in acqua”. Questo significa che quando della materia fecale (da uccelli, pannolini, fognature…) raggiunge la spiaggia ci rimane per moltissimo tempo.

Controlli sulle acque vengono effettuati regolarmente in località turistiche: quando i batteri presenti sono pericolosi per l’uomo viene vietata la balneazione, ma la spiaggia rimane aperta. Il fatto è preoccupante, dice Amesh A. Adalja, ricercatore all’università di Pittsburg e esperto in malattie infettive. La sabbia, si sa, finisce sempre dappertutto: potrebbe infettare una ferita o finire su un sandwich e poi nel nostro stomaco. Dolori di stomaco, eruzioni cutanee e diarrea sono alcuni effetti di questi batteri, che però si possono evitare, spiega Adalja, grazie a buoni livelli di igiene: lavarsi le mani prima di mangiare, coprire eventuali ferite con un bendaggio e, se possibile, farsi subito una doccia dopo il bagno.