Sting coltivatore biologico, presenta i suoi prodotti rigorosamente made in Chianti

Pubblicato il 3 agosto 2010 22:47 | Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2010 23:09

Sting

Sting coltivatore biologico perché : ”Se non mangio non posso suonare…”. E’ questo per l’artista inglese il ”rapporto tra cibo e musica” nelle sue ironiche e cortesi risposte alle domande dei giornalisti, martedì 2 agosto, in occasione dell’apertura di un punto vendita dei prodotti biologici che il popolare cantante inglese coltiva e realizza nella sua tenuta a Figline Valdarno, nel Chianti fiorentino.

E’ arrivato in bici, tra vitigni e campi di girasole, insieme con la moglie Trudie Styler, per la gioia di invitati e fotografi e ha stretto mani e chiacchierato con gli invitati, tra i quali il sindaco di Figline, Riccardo Nocentini, imprenditori e abitanti dei dintorni. Il punto vendita è all’interno della tenuta, in due casolari riammodernati. Per l’occasione, sono stati allestiti buffet di degustazione e musicisti e cantanti hanno intrattenuto il pubblico con versi di Dante e canzoni popolari toscane.

Trudie Styler ha raccontato di come lei e Sting ”si sono innamorati dei luoghi, della campagna toscana, del cibo italiano e dell’accoglienza della gente”. A Ponte agli Stolli, una frazione di Figline Valdarno, l’ex Police ha acquistato negli anni due proprietà, tenuta del Palagio e, in seguito, i terreni circostanti dell’ex fattoria Serristori con annesse coloniche e 200 ettari di vigne, uliveti, pascoli e boschi.

L’azienda di Sting, che si estende per oltre 300 ettari, occupa una quindicina di persone. Si producono miele di acacia, castagno e di melata, olio extravergine, verdure di campo, salumi di cinta senese e vino. Finora, la maggior parte dei prodotti è stata commercializzata in Inghilterra. D’ora in poi, il pubblico potrà acquistarli direttamente a Figline, nella tenuta Il Palagio. Sting e la moglie trascorrono molto tempo in Toscana, nel grande podere in cui l’ex Police ha allestito anche una sala di registrazione. Sting sarà a Cortona, giovedì 5 agosto, per recitare, insieme con la moglie, nella performance Twin Spirits, Spiriti Gemelli, dedicata alla tormentata storia d’amore tra Robert Schumann e la consorte Clara Wieck, pianista di pregio.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other