Supervulcano Campi Flegrei, esperti: “La lava si comporta in modo insolito”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 marzo 2018 16:16 | Ultimo aggiornamento: 23 marzo 2018 16:16
Supervulcano Campi Flegrei

Supervulcano Campi Flegrei, esperti: “La lava si comporta in modo insolito”

ROMA – Durante il corso delle scorse settimane il supervulcano dei Campi Flegrei, situato nella zona di Napoli, ha fatto tremare il suolo della città partenopea, seminando il panico fra i cittadini che hanno anche udito dei forti boati.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Le autorità hanno rassicurato i civili, dichiarando che il livello di allerta non è cambiato, e che rimane sempre Giallo: ovvero un’eruzione non è imminente ma l’area vulcanica dei Campi Flegrei deve essere monitorata costantemente. Ma molti vulcanologi esteri che studiano il supervulcano hanno preso la parola, affermando che i Campi Flegrei mostrano chiari segni di risveglio.

Secondo il geofisico Luca de Siena, dell’Università di Aberdeen, in Scozia, i Campi Flegrei starebbero mostrando segni di risveglio.

I comportamenti della lava del vulcano, contenuta in una caldera che ormai ricopre quasi l’intera superficie di Napoli risultano anomali. Questo, secondo il geofisico, rende difficile qualsiasi previsione su una futura eruzione, poiché è molto complicato interpretare i comportamenti del magma.

L’ultima volta che il complesso vulcanico, che conta 24 crateri, è eruttato, era il 1538. Palando a Stars e Stripes, il geofisico ha affermato che Napoli poggia su un pentolone di zuppa bollente sotterraneo. Il supervulcano è però monitorato costantemente, siccome L’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) rilascia a cadenza settimanale dei bollettini sulla salute dei Campi Flegrei.

Il Dottor Christopher Kilburn, un vulcanologo della University London College, ha affermato che l’eruzione del supervulcano non è imminente, ma che le autorità partenopee devono assolutamente essere pronte con i piani di evacuazione.

Anche il Dottor Stefano Carino, un vulcanologo dell’Osservatorio Vesuviano (OV) ha affermato che predire la prossima eruzione dei Campi Flegrei non è assolutamente possibile. Questi ha affermato che il lento movimento dei fluidi, può rappresentare la preparazione del supervulcano per una prossima eruzione di cui non se ne conosce l’entità.

Nella peggiore delle ipotesi l’eruzione, di cui è stato diffuso il modello 3D, potrebbe non solamente mettere a rischio l’incolumità dei cittadini italiani, ma anche di quelli della maggior parte dell’Europa.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other