Usa. I ”coyote urbani”, lasciato il West, hanno invaso le città

Pubblicato il 19 Aprile 2012 13:22 | Ultimo aggiornamento: 19 Aprile 2012 21:14

Un coyote

ATLANTA, GEORGIA – Hanno sempre fatto parte del selvaggio West, e nelle saghe hollywoodiane John Wayne li abbatteva uno per uno col suo Winchester per difendere le mandrie e salvare bambini dai loro attacchi di gruppo.

Ma i coyote si sono ora urbanizzati e scorrazzano nel sud degli Stati Uniti, dove non erano mai stati, prendendo di mira città come Atlanta, Georgia, ed in certi casi dirigendosi ad est, dominio dei lupi, verso la costa atlantica.

Da qualche anno, dicono gli esperti faunistici, questi animali, tradizionalmente di stanza nell’ovest, hanno cominciato una sorta di migrazione a ritmo intensivo. Ad Atlanta se ne avvistano tremila ogni anno. ”Li vediamo dappertutto’, dice Don McGowan, biologo faunistico al Georgia Department of Natural Resources. ”In città, nei sobborghi, nelle zone rurali, ovunque”.

E non solo nel sud. A New York la polizia ha ucciso un coyote nell’elegante quartiere di Tribeca, nella parte sud di Manhattan, e a Los Angeles gruppi di questi animali sono stati avvistati nei campi da golf.

Quelli che adesso vengono chiamati ”coyote urbani” non hanno perso la loro natura predatrice, anche se finora non hanno mai attaccato esseri umani.. In un caso, il cane pastore australiano di Joe Feinberg, lo scorso weekend è stato attaccato a Roswell, un sobborgo di Atlanta, ed ha riportato profonde ferite. ”Durante l’attaco i coyote devono essere stati spaventati da qualcuno o qualcosa e sono fuggiti, altrimenti il mio cane sarebbe stato ucciso e divorato”, ha detto Feinberg.

Le zone boscose attorno ad Atlanta forniscono ai coyote nascondigli e prede. A Canton, un altro sobborgo di Atlanta, uno zoo per bambini ha dovuto procurarsi cani da guardia dopo che un gruppo di coyote ha fatto razzia di agnellini. A Buckhead, un quartiere facoltoso, i residenti hanno denunciato alla polizia che i coyote gli hanno portato via piccoli cigni e pavoni.

Le autorità cittadine hanno sguinzagliato 200 cacciatori con trappole per cercare di sbarazzarsi degli animali. Ma McGowan non crede che funzionerà. ”Appena un coyote è rimosso, in genere un altro prende il suo posto”, dice. E aggiunge: ”Sfortunatamente ci troviamo in una situazione con cui Atlanta  ed altre città dovranno imparare a convivere”.