New York, L’Empire State Building diventa ecologico

Pubblicato il 27 luglio 2010 17:59 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2010 20:53

L'Empire State Building

Svolta ‘verde’ per l’Empire State Building: il grattacielo art-deco simbolo di New York si rifà il look e, entro l’anno, diventerà più amico dell’ambiente. I proprietari dello storico palazzo, simbolo della vittoria sulla Grande Depressione, annunciano investimenti per 13 milioni di dollari. Obiettivo: ridurre il consumo energetico del 40% e l’inquinamento.

Una volta che i lavori saranno finiti le emissioni nocive saranno drasticamente ridotte, ottenendo in 15 anni lo stesso risultato che si avrebbe se fossero tolte dalla strada 20.000 vetture o se 40.000 famiglie optassero per una svolta verde. ”Quando ne abbiamo assunto il controllo, sapevamo che l’Empire State Building necessitava di essere ristrutturato. Era distrutto. Quello che ora stiamo facendo, ovvero renderlo più verde, non lo facciamo perché è giusto farlo, ma perché ha senso dal punto di vista economico: se non riduciamo i consumi energetici, perderemo soldi e saremo meno competitivi nei confronti di Cina, India, Brasile e altre economie emergenti”, osserva con il Guardian Anthony Malkin, presidente della Malkin Holding.

La svolta verde consiste nel rivestire le oltre 6.150 finestre dell’Empire State Building con una pellicola isolante e montare un sistema di aerazione a basso consumo. Un sistema che ”ci permette di mostrare cosa è possibile fare senza montare un solo pannello solare, una turbina a vento o un’unità geotermica e senza – aggiunge Malkin – avere bisogno di di ulteriore capacità elettrica”.