Zanzare, quest’anno ce ne sono di più: in certe zone fino al 50%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 luglio 2018 13:33 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2018 13:33
Zanzare in Italia, quest'anno ce ne sono di più: in certe zone fino al 50%

Zanzare, quest’anno ce ne sono di più: in certe zone fino al 50% (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Quest’anno ci sono più zanzare in Italia: in alcune zone l’aumento è stato addirittura del 50%. Secondo i numeri pubblicati da Paolo Magliocco su La Stampa le regioni più tartassate sono state Piemonte (con aumenti appunto fino al 50%) ed Emilia Romagna (dove l’aumento è stato in media del 20-30%, cioè il 60% in più rispetto alla media del 2017) [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Come proliferano questi insetti? Ovviamente la condizione climatica ideale è il caldo (anche se ogni tipologia di zanzara necessita di condizioni differenti): attorno ai 30 gradi possono bastare una settimana o dieci giorni per passare dall’uovo, alla larva, all’insetto alato. Quindi più fa caldo peggio è, per l’uomo si intende.

Spiega Magliocco:

La Aedes albopictus si sposta pochissimo e depone le uova nei ristagni di acqua, anche piccoli come un sottovaso. Se non piove, come è successo lo scorso anno, è svantaggiata. Se piogge e caldo si alternano, come quest’anno, ha condizioni più favorevoli. Altre specie, come la Culex o la Ochlerotatus caspius, cioè la zanzara delle risaie, sfruttano invece luoghi che vengono comunque allagati, come appunto le risaie.