Australia: gruppo Murdoch nel mirino dei giudici

Pubblicato il 10 Novembre 2011 10:29 | Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2011 10:35

SYDNEY – E' iniziata a Melbourne l'inchiesta indipendente ordinata dal governo laburista di Julia Gillard e presieduta da un ex giudice della Corte federale, che si occupa di regolamentazione della stampa, di liberta' di parola e dell'impatto della tecnologia emergente, con particolare attenzione alla copertura delle questioni politiche. Fra le proposte all'esame, il rafforzamento dell'ente regolatore Press Council che lamenta poteri insufficienti e poverta' di risorse, finanziandolo attraverso un'imposta a carico degli editori.

L'inchiesta, decisa dopo lo scandalo delle intercettazioni da parte di giornali del gruppo Murdoch in Gran Bretagna, esamina i modi per migliorare la procedura dei reclami contro i media e per promuovere la diversita' nei media della carta stampata, che sono controllati per il 70% dalla News Ltd del gruppo Murdoch. Il governo di minoranza, e i Verdi che gli assicurano supporto esterno, hanno accusato piu' volte i giornali del gruppo di copertura parziale di importanti questioni politiche.

L'inchiesta coincide con un avvicendamento alla guida del gruppo australiano, annunciato ieri dallo stesso Rupert Murdoch. John Hartigan lascia l'incarico di amministratore delegato dopo 11 anni nella carica e 41 anni nella compagnia e al suo posto e' stato nominato Kim Williams, finora a capo della pay Tv Foxtel, che dovra' dirigere il piano di convertire i siti web del gruppo da gratuiti a siti a pagamento.